Home
Chi siamo
Teatro dell'oppresso
America Latina
Laboratori - Workshop
In pubblico
Domande Ricorrenti
Link
Ricerca Avanzata
Contattaci
Cambia Lingua
ItalianSpanishPortuguês do BrasilEnglish
Condivisione
Cos'è il Teatro delle Oppresse?
Scritto da Luciana Talamonti   
giovedì, 07 gennaio 2016 11:56

Il Teatro delle Oppresse è un’attività collettiva “di cura” sia a livello personale che collettivo e dalla quale si approfondiscono le reti sociali e di mutua collaborazione tra donne. E' uno spazio per donne dove analizzare insieme la cultura oppressiva eteronormativa e cercar insieme altre forme di auto-organizzazione, ascolto e lotta artistico-politica dove poter metter il nostro corpo liberamente.

Il laboratorio Maddalena (“Madalena” originalmente, in portoghese) nacque dall’iniziativa di Bárbara Santos, curinga di Teatro dell’Oppresso, che insieme alla regista teatrale italiana Alessandra Vannucci, svilupparono questa esperienza in Brasile, Guinea-Bissau, Mozambico e Portogallo, col sostegno del Centro del Teatro dell’Oppresso (CTO Rio).
La Rete Internazionale (Red Ma(g)dalenas Internacional) ha gruppi in tutto il mondo: Uruguay, Guatemala, Brasil, Argentina, Guinea Bissau, Mozambico, Francia, Svizzera, Germania, Spagna, Nepal, Colombia, e anche in Italia, a Bologna Luciana Talamonti fa parte del Collettivo Maddalene Bologna insieme a donne di altri gruppi di TdO (Krila e Teatro Liquido) e non. Questa rete è unita per un profondo impegno verso l’uguaglianza di genere e i diritti umani delle donne. Luciana ha partecipato in rappresentanza al I Festival Ma(g)dalenas Internacional il 2015 in Patagonia, Argentina e a Giugno si sta organizzando  un incontro Europeo di Maddalene.


Ultimo aggiornamento ( giovedì, 08 dicembre 2016 17:43 )
Leggi tutto...
LABORATORIO MaMa
Scritto da Luciana Talamonti   
martedì, 27 ottobre 2015 15:37

MADDALENE MATTE (Teatro delle Oppresse)


Se sei mai stata accusata di esser diversa;

 Se fai fatica a conformarti ad un unico modello di donna;

se vuoi esplorare la follia in uno spazio protetto, di non giudizio e ascolto emotivo come il femminile riesce a fare;

se sei interessata a scoprire insieme le diverse possibilità di esser donna;

 se credi che la follia e il nostro corpo invaso abbiano diritto d’esistere ed esser liberi;

 se pensi che la tua diversità sia utile, come lo è quella di tutte le persone

  

Quando:

Mercoledì 19.00-21.00
prossima lezione di prova (e forse l'ultima): 13 gennaio 2016.

Si prega di avvisare dell'eventuale partecipazione entro il 10/1/16

 

Dove:

Centro culturale multietnico Milinda
Largo Pucci 14, Palazzina Pucci di fianco alla biblioteca Crocetta, Modena

  

 

La conduttrice del laboratorio:

Luciana Talamonti, attraversata da diverse esperienze di vita, è attivista di Teatro del Oppresso dal 2002. Ha lavorato con gruppi di donne in diversi contesti: in un carcere argentino, in Palestina (con profughe, studentesse di Hebron, attrici, donne vittime di violenza, beduine), con italiane e migranti presso la Casa delle Donne di Modena. Partecipa al Collettivo Maddalene Bologna.

 

informazioni e prenotazioni: su questo sito; fb: Teatrindifesi; e.mail: ; cell.3386054666 

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( giovedì, 07 gennaio 2016 11:45 )
Intervista a Luciana Talamonti
Scritto da Luciana Talamonti   
domenica, 07 giugno 2015 16:54

Intervista di Stefano Serri

foto di Andrea&Magda

Potete leggere qui l'intervista fatta a Luciana Talamonti fondatrice di Teatrindifesi sia sul gruppo che sul TdO e molto altro su http://www.concretamentesassuolo.it/teatrindifesi-intervista-a-luciana-talamonti/

Ultimo aggiornamento ( domenica, 07 giugno 2015 16:58 )
Profilo facebook di Teatrindifesi
Scritto da Luciana Talamonti   
giovedì, 31 luglio 2014 12:41

Abbiamo aperto un profilo facebook del gruppo su cui potete veder video, foto, ecc... ecco il link:

https://www.facebook.com/www.teatrindifesi.org?ref=aymt_homepage_panel

Ultimo aggiornamento ( mercoledì, 12 agosto 2015 12:58 )
Leggi tutto...
Cos'è il teatro dell'oppresso?
Scritto da Francesco Lugli   
domenica, 19 novembre 2006 15:24

Il Teatro dell’Oppresso è un metodo teatrale, creato dal dramaturgo brasiliano Augusto Boal, che si ispira alla Pedagogia dell'Oppresso di Paulo Freire, una forma di educazione popolare orientata allo smantellamento delle ingiustizie sociali. Questa forma innovativa di teatro parte dall’affermazione che tutti possono fare teatro…anche gli attori. Si basa quindi sulla democratizzazione dello spazio scenico, ed aiuta le persone a scoprire le proprie capacità artistiche che permettono di metaforizzare la realtà e, conseguentemente, di trasformarla.

Ultimo aggiornamento ( giovedì, 07 gennaio 2016 11:47 )
<< Inizio < Precedente 1 2 Prossimo > Fine >>

I più letti
Chi è online
Abbiamo 8 visitatori online